Navigazione Contenuto Temi in Austria

Architettura a St. Pölten

St. Pölten è diventata capitale della Bassa Austria solo nel 1986. In questo modo si è aperto un nuovo, avvincente capitolo nella storia della città sul fiume Traisen rivelandone lo splendore a metà strada tra Barocco e modernità.

 © Österreich Werbung, Bartl

È il capoluogo della Regione di più recente costituzione in Austria ed è una città proiettata nel futuro. Nel Festspielhaus (Teatro del festival) si coltivano le forme artistiche contemporanee, la danza e la performance e al cinema d'essai "Cinema Paradiso" viene assegnato un riconoscimento ufficiale. Inequivocabilmente rivolto al futuro è anche il moderno quartiere governativo con il "transatlantico del governo del Land" di notevole pregio architettonico. Il Landesmuseum, il "Klangturm", il Landesbibliothek und Landesarchiv (Centro regionale della Radio Austriaca), i Landesbibliothek und Landesarchiv (Biblioteca e archivio regionali) completano il recentissimo risveglio verso forme architettoniche moderne e innovative. Preferibilmente i contenuti contemporanei sono presentati sullo sfondo di una scena storica. Il palcoscenico montato sulla piazza principale della corte è solo un esempio di questa tendenza.

Ma tutto questo non deve trarre in inganno: St. Pölten poggia su fondamenta antichissime. La città sulle rive del Traisen fa riferimento ed è proprietaria del più antico Codice di Diritto Municipale riconosciuto in Austria. Già nel 1159 alla città fu conferita tale concessione dal vescovo di Passau, Konrad. Al tempo stesso St. Pölten è una delle capitali del Barocco, il cui tratto distintivo è rappresentato dal manoscritto del fondatore dell'Abbazia di Melk. A seguito del trasferimento in questo luogo dell'architetto del Barocco Jakob Prandtauer, avvenuto nel 1689, un vero e proprio boom edilizio modificò il volto di questa città la cui posizione si trovava a un crocevia favorevole per i traffici. Il Monastero delle Carmelitane, noto come primo nucleo dell'Istituto delle Dame Inglesi, risale proprio a questi anni. In seguito, ulteriori testimonianze dello splendore barocco si manifestarono sulle facciate della Fuhrmanngasse e della Herrenplatz.

I colori gioiosi e le forme lussureggianti sono molto più di un semplice scenario storico. In modo diretto e che parla ai sensi, trasmettono la maturità e la compiutezza senza tempo di St. Pölten e ne svelano il coraggio innovativo. La riorganizzazione della Piazza barocca del Municipio su progetto dell'architetto Boris Podrecca mette alla prova questa poliedricità. Proprio come avviene per i molti, innovativi eventi "open air". Tutto questo consente di localizzare una St. Pölten completamente rinnovata, a metà strada tra... ba-rock-o e rock.

www.st-poelten.gv.at

Per ulteriori informazioni e suggerimenti, potete contattare gli esperti del nostro Servizio Informazioni, Fabio e Ottavio, al numero 840 99 99 18 (costo fisso chiamata 15 cent.) oppure scrivere a vacanze@austria.info