Navigazione Contenuto Temi in Austria
close
Please choose your country:
Or choose your language:

Le strade culturali e a tema

Nessun altro paese vanta così tante eccellenze culturali come l’Austria. Stili diversi hanno plasmato nei secoli architettura, cultura popolare, usi e costumi. Scegliendo un viaggio a tema in Austria ci si sorprenderà di quanto si potrà scoprire, imparare e gustare.

Styrian Wine Roads © Österreich Werbung  Peter Burgstaller
Styrian Wine Roads © Österreich Werbung Peter Burgstaller
Melk Abbey © Österreich Werbung/Homberger
Melk Abbey © Österreich Werbung/Homberger
Riegersburg Styria © Österreich Werbung  Popp & Hackner
Riegersburg Styria © Österreich Werbung Popp & Hackner

Bisogna ammetterlo: le Strade del Vino della Stiria (“Steirischen Weinstraßen”) non sono più una meta per pochi. Ed è giusto sia così: il fascino della Stiria meridionale, combinato con l’eccellente produzione vinicola della regione e la genuinità della cucina tipica locale, ne fanno un luogo che vale la pena visitare ma soprattutto una meta gastronomica unica. Un piacere assoluto analogo a quello delle strade del vino della regione del Burgenland, con una sola differenza: qui al centro della scena c’è il vino rosso.      

Per chi invece ama il fascino dei secoli passati, ecco l’ampia offerta di strade a tema dedicate alla ricca storia austriaca. Lungo la Strada dei Castelli  (“Schlösserstraße”) della Stiria e del Burgenland, ad esempio, 18 tra borghi e castelli di epoche diverse si alternano uno dopo l’altro, come le perle in una collana. Il fatto che in queste regioni, più che altrove, ci sia una così alta concentrazione di fortificazioni è presto spiegato: la zona sud-orientale dell’Austria è stata per lungo tempo il confine estremo del Sacro Romano Impero della Nazione Germanica, ragion per cui questi imponenti edifici fungevano da vallo di protezione contro i nemici provenienti da oriente. Un compito questo svolto al meglio: la maggior parte di queste rocche e castelli non è mai caduta in mani nemiche – basti ricordare il Riegersburg, risalente a 850 anni fa, costruzione che incute rispetto per il solo fatto di essere stata eretta su una ripida roccia vulcanica e affacciata su un precipizio alto 482 metri e che sembra uscita da una favola. Quello che un tempo era “il baluardo della Cristianità” è oggi tranquillamente raggiungile con una funicolare e i suoi portali si spalancano per accogliere i visitatori. Anche qui, come in molti altri borghi e castelli austriaci, il passato rivive grazie a messe in scena e allestimenti fantasiosi. La mostra sulle streghe e gli antichi strumenti di tortura non mette i brividi solo agli ospiti più piccoli. Anche in occasione della Notte di Valpurga e in estate, nelle serate di luna piena, sono proposti eventi di vario tipo in cui i protagonisti sono maghi e streghe.       

Il fatto che gli Asburgo abbiano dominato l’Europa per quasi 600 anni ha più a che fare con il destino politico che con la magia. Un destino che può essere ripercorso lungo la “Strada dei Re e degli Imperatori” (Straße der Kaiser und Könige ): l’antica via regia, che collegava Francoforte sul Meno a Budapest, attraversa in suolo austriaco la nazione che un tempo era il cuore della monarchia danubiana e, seguendo il corso del Danubio, conduce a città importanti dal punto di vista culturale e politico, con i loro castelli barocchi, abbazie, monasteri e fastose residenze. Lungo il percorso poi non mancano certo le sorprese: pochi sono al corrente del fatto che gli Asburgo abbiano fatto allestire 16 ricche stanze imperiali nell’abbazia agostiniana di St. Florian con lo scopo di potervi soggiornare come conviene durante i loro viaggi. Anche la più antica città austriaca, Enns, non è così tanto conosciuta quanto l’imponente abbazia benedettina di Melk – sebbene chiunque ne visiti il centro cittadino rimanga incantano dal suo charme medievale. Con un ulteriore salto indietro nel tempo si percorre la Transromanica che segue la storica via commerciale degli antichi romani, dalla Germania fino al Portogallo attraverso l’Austria oppure la Via Claudia Augusta, la prima vera strada che valicava le Alpi. È affascinante scoprire cosa gli uomini trasportassero, già a quel tempo, attraverso le montagne: olio dalla Spagna, vino cretese, ostriche e spezie dall’Asia. Lungo la via Claudia Augusta, alcuni ristoratori offrono ancora oggi ai propri ospiti la possibilità di gustare la cucina dell’“epoca romana”.

In ogni caso non solo i reggenti e dominatori hanno impresso un’impronta ben precisa al paese: molte strade a tema sono dedicate al ricco e variegato artigianato austriaco. Nella boschiva regione di Murau, ad esempio, si impara a conoscere le varietà di legno autoctone lungo la “Strada del legno” e la loro importanza come materiale di costruzione, combustibile, produttore di energia, strumento musicale oppure oggetto d’arte figurativa. Nel Bregenzerwald, nella regione del Vorarlberg, la “Strada del Formaggio” illustra la secolare arte casearia creando un network tra malghe, fattorie, ristoranti e latterie. E sulla “Strada dei Tessitori del Mühlviertel”, nell’omonima regione dell’Austria Superiore, rivivono i tempi d’oro dell’arte tessile artigiana. Ci si può dedicare all’artigianato, alla storia austriaca, ai piaceri della tavola o ancora a tutte queste cose insieme: chi percorre le strade a tema dell’Austria fa buon uso del proprio tempo. Perché tra un punto e l’altro di un percorso è possibile scoprire mondi sempre nuovi.