Navigazione Contenuto Temi in Austria
close
Please choose your country:
Or choose your language:

I mille colori del Danubio

Spesso celebrato da musica, arte e letteratura, da sempre grande via di comunicazione: nessun altro fiume, nella sua corsa verso il mare, attraversa un così gran numero di paesi come il Danubio. Il suo percorso - 2.888 chilometri dalla sorgente alla foce, da ovest verso est – si snoda per 10 stati, arteria di comunicazione europea in grado di unire armoniosamente popoli, religioni e culture diversissimi tra loro. Tutta la storia mitteleuropea è stata scritta sulle sue sponde e queste tracce sono visibili ancora ai giorni nostri, rendendo quindi la regione danubiana un ricettacolo culturale di fascino assoluto.

Schlöging Loop in Upper Austria © Österreich Werbung/Horvath
Schlöging Loop in Upper Austria © Österreich Werbung/Horvath
Danube Linz with Ars Electronica Center © Österreich Werbung  Peter Burgstaller
Danube Linz with Ars Electronica Center © Österreich Werbung Peter Burgstaller
Danube Cycle Path Wachau © Österreich Werbung  Peter Burgstaller
Danube Cycle Path Wachau © Österreich Werbung Peter Burgstaller

Sono dieci gli stati (Germania, Austria, Repubblica Slovacca, Ungheria, Croazia, Serbia, Romania, Moldavia, Bulgaria e Ucraina) che ospitano il corso del Danubio: i paesaggi variegati e diversi tra loro, a volte dolci, a volte quasi avvolti da un’aurea mistica, sono pervasi di leggenda. Borghi fortificati, monasteri imponenti e palazzi sontuosi sono stati testimoni e sono testimonianza di una miriade di eventi storici.

E comunque non solo l’interazione tra i popoli della regione danubiana suscita interesse: anche dominatori e regnanti europei - da Marco Aurelio a Federico Barbarossa fino agli Asburgo - hanno lasciato in eredità, nel corso della storia, importanti tesori culturali. Lungo la “Strada dei Re e degli Imperatori”, che collega la medievale Ratisbona a Budapest passando per Passau e Vienna, grazie a un accordo stipulato tra aziende del turismo e compagnie di navigazione a livello internazionale, è possibile percorrere in modo piacevole questo itinerario storico riscoprendone tutti i sontuosi edifici e tesori artistici. Paesaggi fluviali primordiali come le pittoresche Donauauen – intrecci di boschi e radure erbose lungo il fiume - e regioni di incomparabile bellezza come la selvaggia e romantica Wachau; un numero incalcolabile di escursioni, città di importanza storica ma anche moderne, fanno di un viaggio in questa regione un’esperienza indimenticabile.

In particolar modo Linz, città danubiana, è la dimostrazione efficace di come un’offerta culturale variegata e innovativa possa favorire, in modo affascinante, la contaminazione tra culture, correnti artistiche e nuovi media diversissimi tra loro. Ars Electronica Center, Accademia di Belle Arti o allestimenti e concept espositivi al museo Lentos, poco importa: da tempo Linz è stata promossa da meta di nicchia a tappa immancabile del programma. La fusione e la contaminazione tra epoche e culture si nota anche nella cucina. La brochure dedicata alla gastronomia, “Linz kocht Donau“ (Linz cucina il Danubio), presenta piatti del sud della Germania ma anche specialità delle regioni meridionali della Repubblica Ceca, del Mostviertel, Waldviertel oltre alle storiche ricette della tradizione di Linz.

L’impronta caratteristica di Linz è data in particolar modo dalla musica che, partendo da qui, ha conquistato il mondo: indimenticabili sono le opere di Anton Bruckner, mentre la culla della musica elettronica è la Stadtwerkstatt Linz. Aspetto particolarmente interessante: molte delle opere classiche composte in questa città sono espressione dell’anelito, del sentimento nostalgico e del senso di vuoto rispetto alla situazione politica e cultura della rispettiva epoca. L’amore per la musica si manifesta nel Musiktheater di Linz, il teatro d’opera più moderno d’Europa, di recente apertura. Una costruzione di questo genere non poteva che essere ospitata da Linz, la città lambita da quel fiume che da sempre è la più importante fucina di sviluppo per l’arte e la cultura mitteleuropee.

Là dove il Danubio è più bello