Navigazione Contenuto Temi in Austria

Stiria: atmosfere Jugendstil all’Hotel Wiesler

Guardando verso il centro storico della città dal Schlossberg di Graz la vista cade sull’Hotel Wiesler affacciato sulle sponde del fiume Mur e costruito all’inizio del XX secolo come grand hotel, unico 5 stelle della città fino al 2010.

 © Hotel Wiesler

Anche oggi l’Hotel Wiesler cela, dietro la facciata in stile Secessione viennese, un elegante “buen retiro” in cui si fondono mirabilmente tradizione e design contemporaneo.
Già nel 1637, nell’odierno Grieskai, in prossimità di quello che all’epoca era l’unico ponte sulla Mur soggetto a pedaggio, sorgeva l’hotel “Zum Roten Igel”. Nel 1871 fu rilevato da Carl Wiesler, già al tempo titolare di due locali a Graz. A seguito dell’acquisto dell’edificio adiacente in Grieskai 6 da parte del figlio Anton, a partire dal 1894 ebbe inizio su questo terreno la costruzione di un nuovo grand hotel nello stile architettonico dell’epoca. Per la ristrutturazione degli interni fu incaricato l’architetto e pittore Marcel Kammerer che ai tempi era anche disegnatore capo di Otto Wagner.

Tempi duri si prospettarono per il Wiesler dal 1945 al 1954: l’hotel diede ospitalità agli ufficiali britannici, prima di subire, nel 1986, un rinnovamento in termini stilistici. Da allora questo edificio rivela in modo consapevole accenti moderni e contemporanei che si fondono con le atmosfere della tradizione. Sia che si tratti di una festa nell’ex Grand Salon o di una cena, gli ospiti ammirano la splendida vetrata artistica intitolata “La Primavera”, opera dell’atelier dell’artista Jugendstil Leopold Forstner. E dalle pareti, sulla sala da pranzo, aleggia lo sguardo di una delicata raffigurazione femminile che rimanda allo stile della Fin de Siècle ma che in realtà è opera di un giovane street artist.
www.hotelwiesler.com