Navigazione Contenuto Temi in Austria
close
Please choose your country:
Or choose your language:

Viaggio di nozze a Vienna sull’onda del Bel Danubio blu

Sulle acque del magico Danubio a bordo dell'elegante nave Amadeus Royal della compagnia Luftner Cruises siamo giunti a Vienna in una soleggiata mattina di novembre per la nostra luna di miele.

 © Sonia di Prisco

La capitale asburgica è stata da noi scelta per il fascino che sprigiona da sempre. Nessun Paese è associato in maniera così stretta a questo fiume sia per il valzer “Sul bel Danubio blu”, che per il soprannome di "monarchia del Danubio", che venne dato all'Impero austro-ungarico.

C’eravamo già stati, ma ritornare a Vienna in questi giorni autunnali è stato come visitarla per la prima volta poiché la città si mostrava nella sua forma più splendente ricevendo nuova linfa dall'avvicinarsi delle festività natalizie. Allo sbarco siamo stati accolti da Silvia, la nostra guida che in giro per il centro storico, attraversando vicoli e cortili, ci ha mostrato i luoghi più amati dai viennesi, tra cui nella Domgasse al n°5 la Mozarthaus, “Casa di Mozart”, dove si trova l'unico appartamento in cui Mozart abitò.

A Vienna, la città più vivibile del vecchio continente, «come ti muovi ti muovi resti in città – ci ha detto Silvia – ma con spazi enormi di verde a disposizione con numerose piste ciclabili che favoriscono la qualità dell’aria. Il 50% del territorio comunale è occupato da boschi, prati, giardini e campi». Passeggiare nelle oasi naturali in pieno centro è sorprendente, quasi obbligatorio il pellegrinaggio al Stadtpark per ammirare uno dei simboli di Vienna la statua dorata di Johann Strauss, per poi proseguire per i parchi del Ring, i giardini barocchi dei palazzi del Belvedere e di Schönbrunn e inoltrarsi  nell'immenso Prater con i divertimenti più esclusivi come la vecchia e cara “ruota” che lentamente ed inesorabilmente gira da 114 anni, e da cui si può ammirare uno stupendo panorama.

Un'esperienza per noi indimenticabile è stata visitare la Serra delle Palme, la Schmetterling Haus, all'interno del Burggarten nel giardino della Hofburg, che ospita sin dal 1998 centinaia di farfalle esotiche lasciate in libertà in una foresta vergine tropicale in miniatura. La leggenda narra che trasformavano in diamanti tutto ciò che toccavano, si mostravano agli uomini in primavera, ma era possibile vederle solo per un attimo, perché si era subito abbagliati dai riflessi delle loro ali. La serra in stile liberty con i suoi 280 mq è tra le più belle del mondo.

Passeggiando per strade e viuzze ci è venuta voglia di provare i famosi dolci della tradizione. I caffé viennesi sono da sempre considerati oasi di accoglienza e ospitalità  per una sosta golosa con numerose varietà di caffé e torte, che caratterizzano la “dolce vita” viennese. «Non a caso - ci ha detto Silvia - i caffé sono entrati recentemente nel patrimonio mondiale immateriale dell'UNESCO».

Nel corso della passeggiata siamo rimasti affascinati dalla coesistenza di architettura antica e moderna, infatti solo il 30% degli edifici distrutti dalla guerra è stato totalmente riedificato, mentre gli altri sono stati restaurati. Ci siamo soffermati con interesse da ingegneri, io e il mio Mauro, sui progetti avviati per la costruzione di nuovi quartieri residenziali in periferia. Nell'ambito della celebre edilizia sociale si sono sviluppati, grazie al sostegno di diversi committenti, nuovi modelli ai quali tutto il mondo guarda con ammirazione. Tra di essi va annoverato il quartiere Hundertwasser, realizzato negli anni Ottanta nell'ambito del piano di sviluppo di edilizia popolare, che con le sue fantasiose soluzioni architettoniche e i suoi colori è divenuto nel tempo meta turistica. Il complesso abitativo con 50 appartamenti si deve all'estro del pittore Friedensreich Hundertwasser, che da convinto ecologista ideò case - che i viennesi chiamano “matte” - dove l'uomo poteva vivere insieme alla natura e dove alberi, considerati veri e propri inquilini, contribuiscono alla vita sociale purificando l'aria, migliorando il microclima e non da ultimo ravvivando e decorando le facciate. Dall'esterno ogni appartamento è contraddistinto da un diverso colore, per sottolineare la singolarità di ciascun condomino, con porte e finestre di forma irregolare e personalizzate.

La croociera continua con meta Linz… ma questa è un'altra storia.

 

 

 

Sonia di Prisco