Ricerca
    • Emilie Flöge in uno dei suoi abiti e Gustav Klimt con il suo camice da pittore, nel giardino di Villa Oleander am Attersee, 1910
      media_content.tooltip.skipped

    Emilie Flöge, la rivoluzionaria della moda e Il bacio di Klimt

    Molto di più della musa di Klimt, il famoso pittore austriaco. La stilista Emilie Flöge era una rivoluzionaria della moda e un’imprenditrice di successo.

    Emilie Flöge e Gustav Klimt in barca davanti alla Villa Paulick, fotografati da Emma Bacher, 1909
    media_content.tooltip.skipped

    Sulle tracce di Emilie Flöge

    Alta moda al volgere del secolo

    Fu lo scrittore austriaco Thomas Bernhard a coniare il termine "Lebensmensch", per indicare la persona più importante nella propria vita. Anche Emilie Flöge, nata nel 1874, deve essere stata una "Lebensmensch" per Gustav Klimt. Seguendo le orme del famoso pittore si incontra sempre anche lei. Una cospicua corrispondenza e le fotografie di escursioni e di vacanze estive trascorse insieme testimoniano un affetto che durò tutta la vita, come minimo amichevole e stimolante. Se ci sia mai stato qualcosa di più è oggetto di molte ricerche. Sia la stilista Flöge sia il pittore sono stati attenti ad essere discreti. Klimt ebbe un figlio con altre due donne quasi contemporaneamente - in totale si dice che abbia avuto 16 figli illegittimi - e Flöge rimase un’imprenditrice indipendente ed emancipata per tutta la vita. Insieme alle sorelle Pauline e Helene, nel 1904 fondò a Vienna il salone di moda "Schwestern Flöge", nella "Casa Piccola" in Mariahilfer Strasse 1b. Un fiorente atelier che impiegava fino a 80 sarte nei tempi di maggior successo, con una clientela che proveniva dall’alta borghesia.

    Moda per donne coraggiose

    Non tutte le signore, alcune protagoniste dei ritratti di Gustav Klimt, probabilmente scelsero le creazioni d’avanguardia di Emilie Flöge. Ma lei, come capo creativo dello studio, merita molta più attenzione di quanta ricevuta finora nei molti decenni di ricerca su Klimt. Il suo salone di moda era un ottimo esempio di modernismo viennese: dall’etichetta all’arredamento, era una Gesamtkunstwerk, un’opera d’arte totale, commissionata alla Wiener Werkstätte e a grandi nomi come Koloman Moser e Josef Hoffmann. Oltre ai suoi pezzi convenzionali, Emilie rivolge il suo design artistico e alla moda all’abbigliamento riformato. Un’idea rivoluzionaria: l’abito riformato, che aveva forme più comode e voleva liberare le donne dalle costrizioni del corsetto, fino ad allora era stato meno influenzato dallo stile. Le forme morbide e rilassate, insieme alle stampe a fiori e colorate, sono state poi riprese, non a caso, dalla cultura hippie.

    Lei stessa, in modo coerente, indossava abiti fluenti lunghi fino al pavimento e amava combinarli con i gioielli della Wiener Werkstätte. "Anche in quelle famose fotografie che mostrano lei e Klimt durante una gita in motoscafo sul lago Attersee, lei indossa i suoi abiti, drappeggiati da spille e collane della Wiener Werkstätte. In questo modo, ha presentato in campagna la moda di città". A dirlo è Sandra Tretter, direttrice della Fondazione Klimt che gestisce il Centro Gustav Klimt sul lago Attersee e che si dedica anche alla ricerca sulla stilista viennese.

    Mentre Klimt divenne immortale con i suoi quadri, Flöge, che morì nel 1952, cadde nell’oblio. Ma, come sospettano i ricercatori, è catturata per l’eternità nel quadro più famoso di Klimt, Il bacio. Flöge è sepolta in una tomba nel cimitero protestante di Vienna-Simmering.

    Emilie e Pauline Flöge, Gustav Klimt, Hermann Flöge e Hermine Flöge in barca sul Attersee, 1905
    media_content.tooltip.skipped

    Emilie Flöge: le tappe fondamentali della vita

    I luoghi magici dell'arte fonte d’ispirazione

    1874: nasce Emilie Flöge, l’ultima di quattro figli.

    1892: diventa cognata di Gustav Klimt tramite il matrimonio di sua sorella Helene con il fratello di Gustav Klimt, Ernst.

    1895: prima corrispondenza conosciuta tra Klimt ed Emilie Flöge.

    1897: le famiglie Klimt e Flöge trascorrono l’estate insieme a Fieberbrunn in Tirolo.

    1900 – 1916: Gustav ed Emilie passano le loro vacanze estive sul lago Attersee, a Litzlberg am Attersee, nella villa Paulick a Seewalchen, nella villa Oleander a Kammer o nella Forsthaus a Weißenbach. A testimoniarlo, numerose fotografie in cui Emilie è ritratta nei suoi abiti all’avanguardia, così come gli oltre 40 dipinti di paesaggi di Klimt creati lì.

    Emilie Flöge in abito da riforma a Litzlberg am Attersee, fotografata da Gustav Klimt, 1906
    media_content.tooltip.skipped

    1904: fonda il salone di moda "Schwestern Flöge" insieme alle sorelle Emilie, Helene e Pauline. Emilie è il capo creativo, la networker e testimonial del salone. Viaggia regolarmente a Parigi per portare a Vienna le ultime tendenze delle fiere. Le signore della buona società sono tra le clienti. Klimt manda anche alcune delle sue clienti alle sorelle Flöge.

    1918: alla morte di Klimt, una parte del suo patrimonio va a Emilie.

    1938: Emilie chiude per sempre il suo salone.

    1952: Emilie muore a Vienna. La sua tomba si trova nel cimitero protestante di Vienna-Simmering.

    Conversazione con Sandra Tretter

    Sandra Tretter è la direttrice della Fondazione Klimt che gestisce il Centro Gustav Klimt sul lago Attersee. Insieme al suo team, si dedica non solo alla ricerca su Klimt, ma anche al lavoro e alla vita della effervescente stilista Emilie Flöge.

    austria.info: Nel 2016, lei ha dedicato per la prima volta una mostra dedicata a Emilie Flöge nel Centro Gustav Klimt all’Attersee. Perché si sa così poco di lei?
    Sandra: È stata davvero trascurata per troppo tempo. Anche la sua tomba nel cimitero protestante è stata localizzata solo nel 2006 grazie a un ammiratore di Emilie Flöge, un ricercatore inglese dilettante, quando i diritti del cimitero erano già scaduti da un anno. Fortunatamente, non era ancora stata abbandonata e ha potuto essere riconsacrata come tomba d’onore. Le sue elaborate creazioni erano molto richieste e, come i dipinti di Klimt, erano un must artistico e alla moda.
    austria.info: Dove si possono trovare le opere di Emilie Flöge?
    Sandra: Sfortunatamente, solo pochi degli abiti di Flöge sono sopravvissuti. Abbiamo un abito da bagno che ha ancora cucita l’etichetta originale e il Museo di Vienna ha due abiti nella sua collezione. Se il camice da pittore di Klimt sia anche un disegno di Flöge è ancora oggetto di ricerca. In ogni caso, le sue creazioni e i suoi gioielli sono oggi rari e molto ricercati nel mercato dell’arte.
    austria.info: Qual è il luogo migliore dove trovare le tracce della Flöge?
    Sandra: Sicuramente l’Attersee, il lago dove Klimt e Flöge trascorsero le loro vacanze estive. Per esempio, nella nostra mostra al Centro Klimt di Schörfling. Ma anche all’aperto, nel giardino Klimt o lungo il percorso tematico dedicato a Klimt. O con una gita in barca sulla riva nord del lago Attersee, che passa davanti a Villa Paulick e alla nuova piazza dedicata Emilie Flöge, così come la rimessa delle barche, che è presente in una serie di ritratti con Klimt.
    austria.info: Come descriveresti Emilie Flöge?
    Sandra: Era un’imprenditrice indipendente, emancipata e orientata al profitto, certamente la mente creativa dietro il salone di moda "Schwestern Flöge". Una networker, una professionista della rete che sapeva usare sia le sue connessioni con la Wiener Werkstätte, sia quelle con le signore della buona società che amavano farsi ritrarre da Klimt. A tutti gli effetti una figura eccezionale all’inizio del XX secolo.
    •                 Sala Klimt al Belvedere, Vienna
      media_content.tooltip.skipped
    •                 Frutteto con rose - Gustav Klimt 1912
      media_content.tooltip.skipped
    •                 Gustav Klimt, L'Attesa, dettaglio / MAK - Österreichisches Museum für angewandte Kunst/Gegenwartskunst
      media_content.tooltip.skipped
    •                 Ritratto di Emilie Flöge, opera di Klimt (Wien Museum) / Wien Museum
      media_content.tooltip.skipped
    media_content.tooltip.skipped