Please choose Language or Country
or

Valle di Thayatal: sulle tracce dei gatti selvatici

Lo sguardo spazia sulla vasta regione selvaggia, tutto intorno non ci sono che fitti boschi di latifoglie, ripide pareti di roccia, prati in fiore, e il fiume Thaya che ha dato il nome alla valle. Il Parco Nazionale Thayatal è talmente isolato dal mondo che vi ha trovato rifugio un animale estremamente timido: il gatto selvatico.

Nonostante il senso di tranquillità e solitudine che emana dal parco nazionale più settentrionale dell’Austria, non ci si deve far trarre in inganno: la valle Thayatal è piena di vita. Alcune delle specie di animali e piante più rare dell’Europa Centrale vi hanno trovato rifugio. E, con un po’ di fortuna, si riesce anche a vederle. Per esempio il ramarro smeraldo, di un turchese verde chiaro, che al minimo rumore o movimento sparisce in un batter di ciglia. Sembra che nelle fredde acque del fiume Thaya vivano anche i gamberi di fiume e a volte si riesce addirittura a scorgere la velocissima lontra. Ma la vera attrazione del Parco Nazionale è un altro mammifero: il gatto selvatico.

Il fascino del gatto selvatico

Almeno tre esemplari di questo raro felino vivono nuovamente nella regione, come è stato dimostrato con l’aiuto di bastoni che attraggono i gatti selvatici, questi, infatto, che si sfregano contro lasciando sul posto dei peli. Si deve avere una vista molto acuta per riconoscere questi animali dal colore grigio marrone, perfettamente mimetizzati nella boscaglia, tanto più che sono molto ombrosi, ma un incontro del genere non è da escludere a priori. Solo che in questo caso bisogna essere molto cauti: nel periodo in cui hanno i cuccioli, i gatti selvatici fanno onore al loro nome.

  • Lontra © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Lontra © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Ramarro © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Ramarro © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Ramarro © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Ramarro © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Picchio Rosso © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek Picchio Rosso © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek
  • Black stork © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek Black stork © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek
  • Gambero di fiume © Nationalpark Thayatal / M. Graf Gambero di fiume © Nationalpark Thayatal / M. Graf

Un nuovo modo di dare il pasto agli animali feroci

Nel recinto del Parco nazionale è possibile osservare da vicino i due gatti selvatici Frieda e Carlo. Quello che salta agli occhi: la pelliccia molto folta e la coda  arruffata che è chiaramente diversa da quella dei gatti domestici. Quello che più affascina di questi  gatti è che, dopo anni passati nel recinto, non si sono in alcun modo lasciati addomesticare, sono e saranno per tutta la vita selvatici. Ovviamente accettano i pasti loro offerti, con sommo piacere e aspettativa da parte dei visitatori. Perché un vero gatto selvatico si cercherà sempre da solo la preda. E allora nel recinto, ampio circa 450 m2, vengono nascosti vari pezzi di carne. Quando Frieda e Carlo si mettono alla ricerca del cibo lo fanno con molta eleganza e agilità.

Il fatto che questi animali così esigenti, che vivono solo nelle regioni boschive più isolate, siano  nuovamente ricomparsi nella valle del Thaya, riempie di orgoglio i collaboratori del Parco Nazionale. E li rende orgogliosi anche il fatto che sempre più umani stressati vengano qui alla ricerca della tranquillità nel loro tempo libero.

 

  • Il gatto selvatico © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Il gatto selvatico © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Il gatto selvatico © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Il gatto selvatico © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Thayatal © Nationalpark Thayatal / Rainer Mirau Thayatal © Nationalpark Thayatal / Rainer Mirau
  • Nebbia nel Parco Nazionale Thayatal © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Nebbia nel Parco Nazionale Thayatal © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Fungo © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Fungo © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • Rive del Thayatal © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek Rive del Thayatal © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek
  • Riva del Thaya © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek Riva del Thaya © Nationalpark Thayatal / Neffe Marek
  • Morning in the Thaya valley © Nationalpark Thayatal / D. Manhart Morning in the Thaya valley © Nationalpark Thayatal / D. Manhart
  • La cittadina di Hardegg © Nationalpark Thayatal La cittadina di Hardegg © Nationalpark Thayatal

Contatti

Nationalpark Thayatal

Nationalparkhaus
2082 Hardegg

tel.: 0043 2949/ 70 050

Nationalpark Thayatal

Nationalparkhaus
2082 Hardegg

tel.: 0043 2949/ 70 050

Copyright immagine

Lo scopo principale dei due domini principali www.austria.info e www.austriatourism.com è la promozione di Austria come meta di vacanza.