Ricerca
    • Spring in Burgenland
      media_content.tooltip.skipped

    Ingresso in Austria: tutto quello che c'è da sapere

    Le frontiere dell'Austria sono aperte, ma i viaggi turistici saranno di nuovo possibili solo dal 19 maggio. Da questa data in poi si applicheranno anche nuove regole di ingresso. Ecco una panoramica dei regolamenti attuali e futuri.

    Informazioni attuali sull'ingresso in Austria

    (Ultimo aggiornamento: 28.04 2021) L'Austria è attualmente in lockdown parziale e i viaggi turistici non sono di fatto attualmente possibili. Le frontiere sono aperte, ma ci sono dei requisiti precisi da rispettare. Di seguito tutti i dettagli.


    Obbligo di registrazione per l'ingresso in Austria

    Dal 15 gennaio 2021 è necessario registrarsi in anticipo prima di entrare in Austria ("Pre-Travel Clearance") e deve avvenire entro e non oltre le 72 ore prima dell'ingresso. La conferma di registrazione deve essere presentata per via elettronica o stampata in caso di controllo. Esistono eccezioni per motivi imprevedibili e non rinviabili, che riguardano la cerchia familiare, per i passeggeri in transito, per il traffico pendolare e per singole altre eccezioni (si vedano sotto tutti i dettagli alla voce "Eccezioni"). I dati registrati vengono cancellati dopo 28 giorni dall'inserimento.

    Qui potete trovare maggiori informazioni sull'Autorizzazione Pre-Travel Clearance. E potete andare direttamente al modulo di registrazione.


    Quarantena e test negativo

    Per entrare in Austria è obbligatirio un test PCR o antigene negativo, che non sia più vecchio di 72 ore. Il test può essere fatto anche in Austria entro 24 ore (eccezioni vedi sotto).
    Inoltre, c'è un obbligo di quarantena di 10 giorni quando si entra in Austria da zone a rischio. Le aree a rischio sono attualmente tutti i paesi europei ad eccezione di Finlandia, Grecia, Islanda, Norvegia e Vaticano. I test gratuiti sono possibili dopo cinque giorni di quarantena mediante PCR o test dell'antigene a proprie spese. È consentito lasciare il luogo di quarantena per i test.


    Eccezioni per l'ingresso senza quarantena o test Covid-19

    Al momento è possibile l'ingresso in Austria, senza la necessità di una quarantena o di un test Covid-19, dai seguenti paesi:

    Australia, Islanda, Nuova Zelanda, Singapore, Corea del Sud, e Vaticano. È importante però che chi si reca in Austria non sia stato in un paese al di fuori di quelli elencati nei 10 giorni antecedenti l'ingresso in Austria. L'ingresso da altri paesi è vietato, ma ci sono delle eccezioni per le quali invitiamo a consultare sito dell'Ambasciata d'Italia a Vienna (in italiano)


    Viaggi di lavoro

    Non è richiesta la quarantena per l'ingresso a fini professionali (se il viaggio è di carattere occasionale, cioè che non avviene regolarmente tale da renderlo affine ad un pendolarismo). Prerequisito però è un certificato sanitario in tedesco o in inglese (con un test PCR o antigene negativo, non più vecchio di 72 ore). Potete scaricare i moduli qui in lingua tedesca e qui in lingua inglese. Inoltre, il carattere professionale del viaggio deve essere dimostrato. E' disponibile una lista aggiornata delle strutture ricettive attualmente aperte per i viaggiatori per lavoro.


    Pendolari

    I pendolari regolari (almeno mensilmente per lavoro, famiglia, scuola o studio o per visitare un compagno di vita) sono esenti dalla quarantena, ma devono essere in possesso di un test PCR o antigene non più vecchio di 7 giorni.
    Invece, per i pendolari provenienti da paesi non UE o non SEE (Spazio Economico Europeo) e dai paesi ad alto rischio quali Bulgaria, Estonia, Francia, Italia, Malta, Polonia, Svezia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca, Ungheria e Cipro si applica quanto segue: è necessario un test PCR o antigene non più vecchio di 72 ore all'ingresso.
    Per i pendolari vale comunque sempre l'obbligo di registrazione Pre-Trave Clearance. La registrazione deve essere rinnovata al più tardi ogni 28 giorni.

    Persone (compresi i pendolari) che hanno soggiornato nel Tirolo Settentrionale per più di 24 ore, devono esibire obbligatoriamente un test al momento dell'uscita dal territorio nel periodo dal 31 marzo al 14 aprile compresi. Il test antigenico non deve essere più vecchio di 48 ore e il test PCR non più vecchio di 72 ore.


    Traffico aereo

    Attualmente è in vigore un divieto di atterraggio in Austria per tutti i voli dal Brasile, dal Sudafrica e dall'India.
    Vi invitiamo a informarvi presso le autorità competenti sulle norme di partenza o di ritorno.

    Inoltre, indipendentemente da tutte le norme austriache, verificate sempre se nel vostro paese d'origine ci sono ulteriori avvertenze di viaggio per le singole regioni dell'Austria.

    Le norme sopra descritte sono valide fino a nuovo avviso. Vi terremo informati su ulteriori regolamenti non appena ci saranno nuove informazioni.


    Nuovi requisiti di ingresso a partire dal 19 maggio

    In futuro, l'Austria seguirà la mappa ECDC per le aree a rischio.

    • verde/arancione: ingresso libero 
    • rosso: ingresso solo per le persone testate, vaccinate o già guarite
    • rosso scuro: ingresso solo per persone testate, vaccinate o guarite. Queste ultime devono comunque fare la quarantena con possibilità di test gratuito dopo 5 giorni).

    Questo significa che l'ingresso sarà possibile senza quarantena da tutti quei paesi con un'incidenza negli ultimi 14 giorni inferiore a 500 (equivalente a un'incidenza di 7 giorni di 250) che non sono zone di mutazione del virus. Le esenzioni per i pendolari descritte prima rimangono in vigore. I dettagli del prossimo regolamento sono ancora in fase di elaborazione. Naturalmente vi informeremo non appena li avremo.

    E' inoltre possibile scaricare un breve vademecum con le principali regole in vigore dal 19 maggio.


    ATTENZIONE: le informazioni qui disponibili sono frutto di una ricerca accurata. Tuttavia, Austria Turismo non è un'autorità pubblica e non può fornire informazioni giuridicamente vincolanti.

    Potete trovare maggiori dettagli e ulteriori informazioni sull'ingresso in Austria ui seguenti siti istituzionali

    Domande e risposte più frequenti

    Come posso dimostrare di non essere stato/a in un'area a rischio negli ultimi 10 giorni?

    Ad esempio, presentando un modulo di registrazione, una conferma di assunzione o un documento di fatturazione.

    Il test non deve essere più vecchio di 72 ore. È valido il momento in cui è stato effettuato il test o il momento in cui è disponibile il risultato?

    Le 72 ore si riferiscono al momento in cui è stato effettuato il test.

    È necessario un test anche per i bambini?
    I bambini fino a 10 anni non hanno bisogno di un test.

    Quali sono i paesi considerati a rischio?

    Tutti gli paesi tranne Australia, Finlandia, Islanda, Irlanda, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud, Uruguay, Vaticano.

    Dove posso trovare i documenti per il certificato sanitario?

    Si possono scaricare i formulari qui in tedesco e qui in inglese.

    Dove posso trovare i moduli per l'obbligo di quarantena?

    I moduli sono disponibili qui in tedesco e qui in inglese.

    Dove posso trovare il modulo per la registrazione dell'iscrizione ("Pre-Travel Clearance")?
    Il modulo è disponibile qui in tedesco e qui in inglese.

    Dove posso fare il test?

    Qui trovate un elenco di laboratori. I test sono possibili anche in alcune farmacie specializzate.

    Posso lasciare la zona di quarantena per essere testato?

    Sì, questo è permesso. Si prega di fare attenzione a ridurre al minimo il rischio di infezione per gli altri.

    È permesso lasciare il paese durante la quarantena?

    E' permesso lasciare la quarantena per lasciare il paese. Si prega di fare attenzione a ridurre il più possibile al minimo il rischio di infezione per gli altri.

    Vacanze invernali in Austria

    media_content.tooltip.skipped
    media_content.tooltip.skipped