Ricerca

    Abbazie e monasteri in Austria

    Le abbazie e i monasteri in Austria non sono solo luoghi religiosi. Sono anche mete ricche di cultura, di architettura e di arte.


    Conventi, abbazie e monasteri hanno avuto un ruolo decisivo nello sviluppo culturale dell’Austria. I primi complessi religiosi sorsero già agli inizi del Medioevo, all'incirca nell’VIII secolo, quando il Paese attraversato dal Danubio era ancora ricoperto di fittissime foreste. A segnarne però il massimo splendore fu l’epoca barocca, che ne influenzò fortemente le architetture. Rendendoli luoghi da visitare in una vacanza in Austria.

    Abbazia di Melk in Bassa Austria

    Tra i gioielli più pregevoli dell'abbazia di Melk, la collegiata sontuosamente arredata, la sala di marmo e la biblioteca, che custodisce circa 100.000 volumi, alcuni dei quali sono tra le più preziose eredità scritte del Medioevo. Famoso è anche un affresco del soffitto di Paul Troger, che rappresenta un'allegoria della fede. Il Museo dell'Abbazia ci conduce attraverso i secoli di storia del monastero, mentre la tesoreria, l'archivio e la biblioteca illustrano la vita delle élite spirituali e intellettuali dei primi tempi. Il parco dell'abbazia con tigli di 250 anni, con il gazebo barocco costruito da Franz Munggenast, il roseto, un serbatoio di acqua potabile barocco e un giardino in stile mediterraneo è uno spettacolo per gli occhi e un ristoro per l’anima. Nonché la cornice ideale per mostre e concerti che vi si tengono con una certa frequenza.

    Abbazia di Melk

    L'abbazia di St. Florian in Alta Austria

    L’abbazia dei canonici agostiniani di St. Florian, nei pressi di Linz, è uno dei più importanti monumenti barocchi in Austria. Resti di murature esistenti sotto la basilica risalgono all’epoca del martirio di San Floriano (IV secolo d. C.), la cui tomba era già allora meta di pellegrinaggio. Il monastero di St. Florian è famoso anche per il legame con il compositore Anton Bruckner. Molti ambienti dello splendido edificio barocco si possono visitare anche senza guida: la magnifica basilica, il corridoio dei prelati con la scalinata, il cortile interno e il giardino dei prelati. Con la visita guidata potete ammirare altre meraviglie. Come la sala dei marmi, la camera imperiale, la pinacoteca e la biblioteca, che con circa 150.000 volumi (di cui due terzi stampati oltre un secolo fa) è fra le biblioteche conventuali più importanti d’Austria. Il pezzo forte della collezione è la bibbia gigante della Stift St. Florian, realizzata probabilmente intorno al 1150. Con le sue dimensioni - 65 x 46 centimetri - è tra i volumi manoscritti più grandi d’Austria. Ognuno degli ambienti dell’abbazia ha un proprio fascino particolare e aiuta a comprendere le tradizioni e lo stile di vita dei monaci. Nella galleria dell’abbazia è conservato uno dei tesori artistici più preziosi del tardo medioevo: l’altare di San Sebastiano, opera di Albrecht Altdorfer.

    La visita all'abbazia di St. Florian è un’esperienza indimenticabile anche dal punto di vista musicale. La basilica conserva l’organo di Bruckner, che con ben 7.386 canne è il più grande d’Austria. Il famoso compositore, che ci ha lasciato 9 grandiose sinfonie, fu a lungo l’organista dell’abbazia e qui è sepolto. In suo onore, ogni anno in agosto si svolgono le Giornate Musicali di Bruckner (Brucknertage).

    Organo di Bruckner nel Monastero di St.Florian

    L'abbazia benedettina di Admont in Stiria

    Nel parco nazionale Gesäuse nell’Alta Stiria si trova, incastonato in una valle rocciosa, l'abbazia benedettina di Admont, in tedesco chiamata Stift Admont. Il monastero più antico della Stiria ospita al suo interno un capolavoro unico, la biblioteca monastica più antica del mondo. Con la sua architettura, i suoi affreschi e le sue sculture è un vero e proprio capolavoro barocco della seconda metà del diciottesimo secolo e attira da sempre intere generazioni di visitatori.

    Dal 1997 avete una ragione in più per visitarlo: un emozionante progetto a metà tra tradizione monastica e attualità culturale. Con il Museo d’arte contemporanea l’abbazia di Admont ha creato una cornice moderna per le opere di oltre 100 artisti, che di volta in volta vengono accostate in mostre temporanee a tema. Oltre alla costante attività di acquisizione, il programma Artists in Residence invita artisti di giovane e meno giovani a lavorare nell’abbazia alla creazione di opere d’arte legate al luogo. I prodotti creativi nati dal programma vanno ad arricchire la collezione dell’abbazia con il marchio “Made for Admont”. Per questo esemplare abbinamento d’arte moderna d’alto livello con un antico bene culturale, l’abbazia benedettina di Admont ha ottenuto il premio museale austriaco “Österreichische Museumspreis 2005”.