Ricerca
    • Johann Strauss Memorial Vienna
      media_content.tooltip.skipped

    L'inverno nella musica classica

    La magia dell'inverno, la morbidezza dei fiocchi di neve e il silenzio di questa stagione sono stati fonte di ispirazione per i compositori classici. Soprattutto in Austria, dove gli inverni possono essere talvolta lunghi.

    Gioia e malinconia musicale in inverno

    •                     Leopold Mozart (father of W. A. Mozart) / Historical Museum of Vienna
      media_content.tooltip.skipped
    •                     Schubertiani / Wien Museum
      media_content.tooltip.skipped
    •                     Occhiali di Franz Schubert / casa natale
      media_content.tooltip.skipped
    • Campanelli da slitta e nitriti di cavalli. Leopold Mozart (1719-1787), il padre del famoso genio musicale Wolfgang Amadeus Mozart, mise in musica le atmosfere invernali già nel 1755 nel suo "Viaggio musicale in slitta". In questo allegro Divertimento, sia il tintinnio dei campanelli della slitta che lo schiocco della frusta del cocchiere donano un bel ritmo. Nel mezzo, si sentono anche cani abbaiare e cavalli nitrire.

    • La pesantezza dell'inverno. Nel periodo romantico, erano invece i lati malinconici dell'inverno ad essere posti al centro. Nel ciclo di Lieder "Winterreise" (Viaggio d'inverno) di Franz Schubert (1797-1828), un vagabondo vaga attraverso le stagioni alla ricerca dell'amore e alla fine si inoltra nella notte invernale senza alcuna meta o speranza. Schubert mise in musica le tristi e belle poesie del poeta di Dessau Wilhelm Müller in "Winterreise"; il ciclo di Lieder fu eseguito per la prima volta nel 1827.
       

    Johann Strauss e "Il pipistrello"

    Il re del valzer e l'inverno

    Ma l'inverno è anche il periodo dell'anno in cui la gente in Austria ama festeggiare - Natale, Capodanno, Carnevale. Solo a Vienna si tengono più di 400 balli ogni inverno. Il re del valzer Johann Strauss (figlio) (1825-1899) ha onorato queste esuberanti celebrazioni con la sua operetta "Die Fledermaus" (Il pipistrello).

    Una sontuosa festa a casa del principe russo Orlofsky è lo scenario per intrecci e scambi di identità. L'operetta deve la sua popolarità in Austria alle rappresentazioni di Capodanno alla Vienna Volksoper così come su molti altri palcoscenici del paese. Sono tuttavia le molte melodie entusiasmanti che hanno reso "Die Fledermaus" un vero evergreen. Sono orecchiabili e leggendarie come i testi, che in modo tipicamente viennese affrontano gli ostacoli della vita - la trama riguarda niente meno che l'inganno e l'adulterio - con tenera ironia: "Felice è colui che dimentica ciò che non può essere cambiato..."

    Altre storie di cultura invernale che potrebbero interessare

    •                 Snow globes from the Viennese snow globe maker
      media_content.tooltip.skipped

      La neve in una sfera

      La famosa palla di neve viene dall'Austria. Una visita all'originale manifattura viennese di palle di neve con la famiglia Perzy.

      Scoprite di più
    •                 Impianti di risalita / Kitzbühel
      media_content.tooltip.skipped

      Kitzbühel e Alfons Walde, il pittore della neve

      Kitzbühel è famosa per gli sport invernali e le spettacolari gare di discesa. Ma è legata anche a un artista: Alfons Walde, il pittore della neve.

      Scoprite di più
    •                 Themed hike with smoking in Altenmarkt-Zauchensee
      media_content.tooltip.skipped

      Austria: tra "notti del fumo" e antiche usanze invernali

      Dai Krampus a rami di Santa Barbara - queste sono solo alcune delle usanze austriache tra Natale e la fine dell'anno.

      Scoprite di più
    media_content.tooltip.skipped